Home > Poetry > Giornata Funebre!

Giornata Funebre!

Entro, tra 1000 e più persone.
C’è tanta gente ma non sento parlare nessuno.
Mi sforzo, aguzzo l’orecchio, zittisco la mente. Ma nulla. Il silenzio domina.
L’unica cosa che odo è il fruscio del vento,
una piante cade da un muretto. Una foglia dal ramo si stacca,
una goccia da quel rubinetto vecchio cent’anni cade giù.
Prendo posto,
tutti han il proprio posto come se stessimo in teatro,
tutti col proprio biglietto numerato per assistere
all’ultimo saluto del primo cittadino
Scorgo l’occhio al cielo, è nuvoloso,
il sole si nasconde come se avesse paura,
probabilmente non sa neanche lui di chi, o di cosa.
Passa un pò di tempo e finalmente eccolo, arriva

.
Sulle spalle di 6 uomini, i più cari, i più vicini a lui.
Lo vedo arrivare con altrettanti 1000 che lo seguono.
Da quel silenzio spaventoso si innalza un applauso,
e dopo ancora un altro e un altro ancora
fin quando tutti, nella piazza, acclamano il Primo
con almeno un battito di mani.
Lo vedo, eccolo, quello è colui che gli stava sempre vicino,
e poi c’è l’altro, colui che è sempre stato contro le sue idee.
Ma questo non è un giorno di banchi, di politica.
Anche se i Sindaci di tutti i paesi limitrofi si trovano la, sul palco,
questo non è un giorno per fare propaganda,
per farsi conoscere, per farsi eleggere.
Questo è un giorno per essere vicini alla famiglia
che ha perso una persona cara in modo brutale.
Per un giorno le amarezze si addolciscono,
i dissapori si inteneriscono,
è un giorno in cui anche il cielo, alla presenza di 2000 persone
vorrebbe versare lacrime, ma non riuscendoci.
RudiExperience

Ecco il pensiero che ho avuto oggi al funerale del Sindaco Giovanni Piscitelli.
Una persona che, nel bene e nel male

, non meritava di terminare la sua vita in questo modo.
Annunci
Categorie:Poetry
  1. яυ∂ι
    5 marzo 2008 alle 01:07

    Ciao Carla.
     
    Mi conosci bene, non sono ne copione, ne poeta.
    Alcune volte quando lasci parlare il cuore ti escono parole che neanche il più brillante dei poeti riesce a concepire di mente propria.
     
    Ti ringrazio. 😀

  2. carla
    4 marzo 2008 alle 22:22

    nn so ke dire di queste righe ke hai scritto,lo ke sei stato tu a scrivere queste parole ma x ki nn ti conosce dice: ke sei un poeta o ke le hai potute copiare da kissa dove……
    COMPLIMENTI

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...