Home > Love > Certe Notti

Certe Notti

Mi giro, rigiro, apro gli occhi, sonnecchio… metto un attimo a fuco la vista e guardo l’orologio…ore 4:58! non prendo sonno, come se non sapessi il perchè mi scappa un “Cazzo! perchè non prendo sonno…” . Allungo le mani nel buio pesto e riesco ad accendere una lucina, è quella di una lampada regalata per Natale, proietta in maniera sfocata le costellazioni intorno alla stanza. Mi guardo intorno, le pareti dipinte di un arancione stile zucca di halloween… mensole rosse e foto su tutte le pareti, sembrano raffigurare persone felici, la maggior parte bambini immersi nel loro mondo che credo sperino non finisca mai. Tento un attimo di arrestare il respiro e sentire tutto quello che c’è attorno. Sento il ticchettio dell’orologio, e quello mi fa capire che non mi trovo a casa mia, quello di casa una mattina l’ho sbattuto in terra perchè mi dava un fastidio enorme, ora ho quello digitale quindi la notte non sento rumori. Oltre al ticchettio dell’orologio un respiro, ma non è il mio, io mi son fermato un attimo… è quello di una ragazza che si presta a dormire accanto a me… ha il viso così beato… quelle guance beate trasudano una felicià appena compiuta… una serata trascorsa in allegria, senza pensieri… senza sensi di colpa. Alzo un attimo il copriletto e mi accorgo che si non è ancora del tutto cambiata per andare a dormire, la stanchezza le avrà giocato brutti scherzi… indossa ancora le calze nere a pois e una camicetta bianca… in fondo al letto la gonna celeste, forse turchese… penso sia stato questo il suo completino stasera. Mentre continuo a guardarla non riesco a far altro che sbirciare attraverso le pieghe della camicia, ha due, forse tre bottoni sbottonati e si intravede il seno e le calze nere attillate a pois restano poco spazio all’immaginazione. Un corpo che non può essere non notato e poi vestita così di certo doveva far colpo su qualcuno… non può essere altrimenti. Fa un sospiro e si muove, avrà freddo, meglio rimetterla al caldo. Riabbasso il copriletto. Prendo il pc…facebook…a quest’ora sono in linea quei quattro sfigati che come me o non riescono a prendere sonno oppure son appena tornati dal ballo serale e saranno così ubriachi che non riusciranno neanche a scrivere un Ciao in chat. Onde evitare di mandarli a cagare non contatto nessuno… mi metto offline. Controllo la posta… niente di che, non arriva mai il famoso messaggio “Hai vinto venti Mln di Euro e una vita alle Maldive”, tutti i messaggi di questo genere gmail me li cestina direttamente considerandoli spam. Spam di merda. Prima senza il filtro potevi sognare un pò. Ora ti tocca aspettare il vero messaggio per sognare. scrivo qualche cazzata sul blog, poi provo a coricarmi accanto alla ragazza… vorrei abbracciarla, magari baciarla… chissà come potrebbe reagire… starò un altro pò coccolato nel mio sogno… poi tornerò a casa scaraventato ancora una volta nella dura realtà…

Buona notte a tutti…

Annunci
  1. 20 febbraio 2011 alle 13:50

    Chissà se la notte porterà allora il sogno di un altro amore

    Spero avrai modo e tempo di ricambiare la visita nel nostro blog dove in questo post parliamo di un argomento molto particolare: San Valentino visto da una squillo per bene…

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/14/post-di-una-squillo-per-bene/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...